Sono un’insegnante. Nella mia scuola ci sono una serie di casi positivi,  il preside e il “referente covid” stanno facendo una campagna pro-tamponi dicendo che farli è obbligatorio sopratutto il secondo per il rientro. Una collega con la quale ho rapporti anche fuori dalla scuola è risultata positiva, a breve mi contatteranno per dirmi di effettuare il tampone. 
Stasera ho compilato il form sulla pagina FRI per la diffida da mandare alla AUSL, oltre a questo, cos’altro mi conviene fare? Mandare comunicazione alla scuola per comunicare che, (come previsto da circolare 12-10-20 del ministero della salute) risulto essere in quarantena, oppure non faccio più nulla? 

È corretto che avete inoltrato la PEC tramite il nostro servizio di assistenza.

Inoltre la informiamo che la nuova circolare del Ministero della salute del 12.10.2020 così recita:

 ” Contatti stretti asintomatici:

 I contatti stretti di casi con infezione da SARS-CoV-2 confermati e identificati dalle autorità sanitarie, devono osservare:

– un periodo di quarantena di 14 giorni dall’ultima esposizione al caso; oppure

– un periodo di quarantena di 10 giorni dall’ultima esposizione con un test antigenico o molecolare negativo effettuato il decimo
giorno. “

Dunque se asintomatica nessuno la potrà obbligare a fare il tampone.

Non sei ancora associato FRI e vuoi contattarci?

Scrivici qui